Ti trovi in:

Tributi Canoni e Tariffe » Imposte

Imposte

di Venerdì, 17 Aprile 2015 - Ultima modifica: Giovedì, 07 Maggio 2015

Imposte del Comune di Caldes

Immagine decorativa

Le novità rilevanti per l’IMIS 2018 sono le seguenti:

  1. Abitazione principale: nel periodo d’imposta 2018 l’abitazione principale, le fattispecie assimilate e le relative pertinenze sono esenti, essendo prevista  per tali fabbricati l’aliquota dello 0,00%. L’esenzione non si applica ai fabbricati delle categorie catastali A1, A8 ed A9 e alle relative pertinenze, per i quali trova applicazione la normativa IMIS “abitazione principale” in vigore nel 2015, 2016 e 2017. La relativa aliquota è dello 0,35% con detrazione d’imposta pari a € 242,08.=.
  1. Fabbricati di tipo produttivo: nel periodo d’imposta 2018, si applicano le seguenti aliquote:
    1. per i fabbricati iscritti nelle categorie catastali A10, C1, C3 e D2 l’aliquota base nella misura dello 0,55%;
    2. per i fabbricati iscritti nelle categorie catastali D1 con rendita inferiore o uguale a € 75.000,00 l’aliquota è pari allo 0,55%;
    3. per i fabbricati iscritti nelle categorie catastali D7 e D8 con rendita inferiore o uguale a € 50.000,00 l’aliquota è pari allo 0,55%;
    4. per i fabbricati destinati a uso come “scuola paritaria” l’aliquota è pari allo 0,00%;
    5. per i fabbricati concessi in comodato gratuito a soggetti iscritti all’albo delle organizzazioni di volontariato o al registro delle associazioni di promozione sociale l’aliquota è pari allo 0,00%;
    6. per i fabbricati iscritti nelle categorie catastali D3, D4, D6 e D9 l’aliquota è pari allo 0,79%;
    7. per i fabbricati iscritti nelle categorie catastali D1 con rendita superiore a € 75.000,00 l’aliquota è pari allo 0,79%;
    8. per i fabbricati iscritti nelle categorie catastali D7 e D8 con rendita superiore a € 50.000,00 l’aliquota è pari allo 0,79%;
    9. per i fabbricati strumentali all’attività agricola con rendita inferiore o uguale a € 25.000,00 l’aliquota base è dello 0,00%;
    10. per i fabbricati strumentali all’attività agricola con rendita superiore a € 25.000,00 l’aliquota base è dello 0,10%;
    11. per tutti gli altri fabbricati (tranne le abitazioni principali, fattispecie assimilate e relative pertinenze) l’aliquota base nella misura dello 0,895%.
  2. Aree edificabili, fattispecie assimilate e altri immobili non compresi nelle categorie precedenti l’aliquota è pari allo 0,895%.
  3. Deduzione rendita fabbricati strumentali all’attività agricola: La deduzione per i fabbricati strumentali all’attività agricola, fissata in € 550,00= a regime, è determinata in € 1.500,00.= per il periodo d’imposta 2018. La deduzione si applica sulla rendita catastale non rivalutata.
  4. Assimilazione ad abitazione principale: L’unità immobiliare posseduta a titolo di proprietà, usufrutto o diritto di abitazione da anziani o disabili che acquisiscono la residenza in istituti di ricovero o sanitari a seguito di ricovero permanente, a condizione che la stessa non risulti locata. L’assimilazione si applica anche alle eventuali pertinenze, nella misura massima di due unità complessive classificate nelle categorie catastali C2, C6 o C7.
  5. Agevolazioni IMIS: Per i fabbricati concessi in uso gratuito a parenti entro il primo grado in linea retta che li hanno destinati ad abitazione principale (art. 5 c.2 lett. a) del Regolamento IMIS) e relative pertinenze, l’aliquota prevista è dello 0,35%.
Immagine decorativa

Le novità rilevanti per l’IMIS 2017 sono le seguenti:

  1. Abitazione principale: dal periodo d’imposta 2017 l’abitazione principale, le fattispecie assimilate e le relative pertinenze sono esenti, essendo prevista  per tali fabbricati l’aliquota dello 0,00%. L’esenzione non si applica ai fabbricati delle categorie catastali A1, A8 ed A9 e alle relative pertinenze, per i quali trova applicazione la normativa IMIS “abitazione principale” in vigore nel 2015 e 2016. La relativa aliquota è dello 0,35% con detrazione d’imposta pari a € 242,08.=.
  1. Fabbricati di tipo produttivo: nel periodo d’imposta 2017, si applicano le seguenti aliquote:
    1. per i fabbricati iscritti nelle categorie catastali A10, C1, C3 e D2 l’aliquota base nella misura dello 0,55%;
    2. per i fabbricati iscritti nelle categorie catastali D1, D3, D4, D6, D7, D8 e D9 l’aliquota base nella misura dello 0,79%;
    3. per i fabbricati strumentali all’attività agricola l’aliquota base è dello 0,1%;
    4. per tutti gli altri fabbricati (tranne le abitazioni principali, fattispecie assimilate e relative pertinenze) l’aliquota base nella misura dello 0,895%.
  2. Deduzione rendita fabbricati strumentali all’attività agricola: La deduzione per i fabbricati strumentali all’attività agricola, fissata in € 550,00= a regime, è determinata in € 1.500,00.= per il periodo d’imposta 2017. La deduzione si applica sulla rendita catastale non rivalutata.
  3. Assimilazione ad abitazione principale: L’unità immobiliare posseduta a titolo di proprietà, usufrutto o diritto di abitazione da anziani o disabili che acquisiscono la residenza in istituti di ricovero o sanitari a seguito di ricovero permanente, a condizione che la stessa non risulti locata. L’assimilazione si applica anche alle eventuali pertinenze, nella misura massima di due unità complessive classificate nelle categorie catastali C2, C6 o C7.
  4. Agevolazioni IMIS: Per i fabbricati concessi in uso gratuito a parenti che li hanno destinati ad abitazione principale (art. 5 c.2 lett. a) del Regolamento IMIS) e relative pertinenze, l’aliquota prevista è dello 0,35%.
Immagine decorativa

Le novità rilevanti per l’IMIS 2016 sono le seguenti:

  1. Abitazione principale: dal periodo d’imposta 2016 l’abitazione principale, le fattispecie assimilate e le relative pertinenze sono esenti, essendo prevista  per tali fabbricati l’aliquota dello 0,00%. L’esenzione non si applica ai fabbricati delle categorie catastali A1, A8 ed A9 e alle relative pertinenze, per i quali trova applicazione la normativa IMIS “abitazione principale” in vigore nel 2015.
  2. Fabbricati di tipo produttivo: nei periodi d’imposta 2016 e 2017, si applicano le seguenti aliquote:
    1. per i fabbricati iscritti nelle categorie catastali A10, C1, C3 e D2 l’aliquota base nella misura dello 0,55%;
    2. per i fabbricati iscritti nelle categorie catastali D1, D3, D4, D6, D7, D8 e D9 l’aliquota base nella misura dello 0,895% vedi delibera n. 56 del Consiglio Comunale di data 28/12/2016;
    3. per tutti gli altri fabbricati (tranne le abitazioni principali, fattispecie assimilate e relative pertinenze) l’aliquota base nella misura dello 0,895%.
  3. Deduzione rendita fabbricati strumentali all’attività agricola: La deduzione per i fabbricati strumentali all’attività agricola, fissata in € 550,00= a regime, e in € 1.000,00= per il periodo d’imposta 2015, è determinata in € 1.500,00= per il periodo d’imposta 2016. La deduzione si applica sulla rendita catastale non rivalutata.

Per ulteriori informazioni concernenti le novità relative all’IMIS 2016 si clicchi sul seguente link :

http://www.autonomielocali.provincia.tn.it/portal/server.pt?open=512&objID= 203&PageID= 5954&parentname=Opener&parentid=0&cached=true&mode=2&userID=5941

Immagine decorativa

L'Imposta Immobiliare Semplice (IMIS) è stata istituita con la Legge Provinciale n. 14 del 30 dicembre 2014 e sostituisce l'IMU e la TASI. Essa decorre dal 01.01.2015 e trova applicazione esclusivamente nel territorio della Provincia di Trento.



Immagine decorativa

IUC

L'Imposta Unica Comunale è stata istituita dall'art. 1, comma 639, della Legge n. 147 del 27 dicembre 2013. Essa si compone dell'imposta municipale propria (IMU), di natura patrimoniale, dovuta dal possessore di immobili, escluse le abitazioni principali, e di una componente riferita ai servizi, che si articola nel tributo per i servizi indivisibili (TASI), a carico sia del possessore che dell'utilizzatore dell'immobile, e nella tassa sui rifiuti (TARI), destinata a finanziare i costi del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti, a carico dell'utilizzatore. Ai sensi dell’art. 1, comma 668, della citata  L. 147/2013, i Comuni che hanno realizzato sistemi di misurazione puntuale della quantità dei rifiuti conferiti al servizio pubblico possono applicare una tariffa avente natura corrispettiva (TIA) in luogo della TARI, la quale è applicata e riscossa dal soggetto affidatario del servizio in parola (Comunità della Valle di Sole). 

Con delibera n. 11 di data 20.05.2014, il Consiglio Comunale di Caldes ha approvato il regolamento per l'applicazione dell'imposta unica municipale (IUC) - Componente imposta municipale propria (IMU) e tributo per i servizi indivisibili (TASI)

Imposta Municipale Propria

Questionario di valutazione
E' stata utile la consultazione della pagina?
E' stato facile trovare la pagina?

Inserisci il codice di sicurezza che vedi nell'immagine per proteggere il sito dallo spam